Al Papone

17 marzo 2010

Ho visto questa immagine non sono riuscito a fare a meno di pensare.

Guardatelo lì, con l’occhio allupato e la mano protesa in avanti come se volesse dire “Mò che t’acchiappo”.

E poi quella grossa croce appesa al collo per me significa molto.

Un luogo comune piuttosto affermato sarebbe quello del rapporto dei criminali con la religione. I mafiosi e i criminali di piccolo e medio calibro di solito portano un santino e una piccola croce al petto sotto la maglia.

I criminali più propensi a compiere reati maggiori e abominevoli, invece, portano grosse croci al petto e hanno molta fede nella religione.

Ora guardate di nuovo la foto in alto.

Annunci

Diarrea tricolore

7 marzo 2010

Che poi è vero, Napolitano ha firmato.

Chi gliel’ha fatto fare, domanderanno in molti. Semplice, nel governo c’è tutta una setta.

Il popolo ovviamente non sa nulla. E vorrei ben vedere. Tutti i canali televisivi sono incentrati nelle mani del presidente del consiglio.

Oh, l’amatissimo. Issimo. Presidente del Consiglio.

Malgrado la mia decadente cultura ho studiato un po’ di storia quando andai a scuola. Ma un presidente del consiglio che arraffa la sua dittatura a colpi di battutine che non fanno ridere e figuracce all’estero non s’era mai avuto finora.

Issimo.

D’altronde l’unico mezzo per diffondere la vera informazione è internet. Ma non serve a molto se il popolo usa quest’ultimo solo per controllare ogni tanto Farmville.

Io di politica ne so veramente poco, ma quel poco mi basta per capire che siamo veramente nella merda.

Anzi, nella diarrea. In una diarrea tricolore.